mercoledì 27 gennaio 2016

Merenda Lab di febbraio


Vi ricordate le nostre merende Lab? Inizialmente le ho proposte come appuntamenti extra dedicati alle decorazioni natalizie per invitare nuove persone a conoscere le attività dell'atelier, inaspettatamente hanno avuto molto successo e allora ho deciso di riproporle in un altra modalità come appuntamento mensile. Vi piace come idea? Questa di Gennaio arriva proprio allo scadere del tempo, infatti odora già di Febbraio come potete vedere dalla locandina. Non pensate però al classico S.Valentino, inteso come il giorno in cui le coppiette perfette escono e tutti gli altri mangiano cioccolata sul divano... Ogni pretesto è bello per celebrare l'amore e in questi giorni più che mai si sente l'esigenza di promuovere un amore universale, che può assumere tutte le forme e non ha confini.
Ho preparato per voi tanti progetti per un pomeriggio carino da condividere insieme, nella foto ne vedete già qualcuno: un vasetto porta foto e una cornice di recupero (io li ho già usati per mettere scatti di Sergio, Linda e del mio nonnino da giovane :-), ma anche lanterne, segnalibri, set per la tavola. A proposito di foto... Chiara Scattina, psicofotografa che vi ho presentato qualche settimana fa, le definisce "memorie tangibili", conoscete il suo blog? Correte subito a vederlo, troverete tanto da leggere su come usare gli scatti per raccontare tanto di voi stessi e dei vostri affetti.
Come al solito i tavoli saranno pieni di materiale, pennelli, colori, carte colorate, colla, bottoni, nastri... i progetti sono tanti e sono sicura che ognuno di voi troverà modi di personalizzarli che ci sorprenderanno. Ci coccoleremo con i miei muffin fatti in casa al cioccolato, lo strudel di mele di Carmen e il nostro solito tè arancia e cannella.

Per partecipare mandatemi una mail su due_di_quadri@yahoo.it, un messaggio su facebook o chiamatemi al 347-7434434. Prenotare è importante, ci aiuterete ad organizzare tutto al meglio.
Il materiale e i dolcetti sono inclusi, è previsto un piccolo rimborso spese di 7 euro, 6 euro per chi frequenta già i nostri corsi.

Vi aspetto!

giovedì 14 gennaio 2016

Laboratori di teatro per bambini e ragazzi


"Il teatro per la sua intrinseca sostanza è fra le arti la più idonea a parlare direttamente al cuore e alla sensibilità della collettività. Noi vorremmo che autorità e giunte comunali si formassero questa precisa coscienza del teatro considerandolo come una necessità collettiva, come un bisogno dei cittadini, come un pubblico servizio alla stregua della metropolitana e dei vigili del fuoco"

Paolo Grassi


Il teatro “è utile?”

Quando si parla di bambini e ragazzi si sente spesso dire che il teatro “è utile” e, parlando con i genitori dei bambini iscritti ai laboratori, ho osservato che molti sperano di risolvere così principalmente il problema “timidezza”. E’ di dominio comune la convinzione che l’importanza del teatro sia soprattutto terapeutica riguardo al “parlare in pubblico”, al “dominare le emozioni”. Si crede che, imparando a far ciò attraverso la partecipazione agli spettacoli, il bambino/ ragazzo sarà poi in grado di sostenere agevolmente, ad esempio, le interrogazioni a scuola. E’ infatti facile trovare proprio nelle scuole svariati laboratori di teatro che però si esauriscono spesso in messe in scena di copioni fatte in modo molto estemporaneo e povero di strumenti specifici. Un altro, comprensibile, cruccio dei genitori è quello che riguarda le nuove tecnologie. Spesso ho ricevuto richieste di aiuto da parte di mamme e papà alle prese con vere e proprie dipendenze dei propri figli da smartphone e computer. Questi preziosi strumenti ricchi di potenzialità non sono affatto da demonizzare, ma è vero anche che il loro utilizzo ha rapidamente mutato la nostra capacità di entrare in un contatto “non virtuale” con gli altri. In questo senso sì, il teatro può essere d’aiuto nel superamento di questi ostacoli ma la buona notizia è che questo è solo l’1% del suo enorme potenziale.

Questo laboratorio parte dalla convinzione che il teatro sia uno strumento validissimo e importante per il processo formativo dei bambini e dei ragazzi. Ciò non significa però che si debba “addestrare” un bambino a diventare un piccolo attore in erba. Anzi, al contrario, questo aspetto “professionale” va in questa fase accantonato per lasciare spazio alla valorizzazione delle sue potenzialità espressive, iniziandolo al linguaggio del teatro e fornendogli le prime basi di questa particolare grammatica.


Perché proprio il teatro?

·      Il teatro, a differenza di altre attività che possono svolgersi anche in solitaria ha bisogno del gruppo, coinvolge quindi in modo molto importante la capacità di stabilire relazioni, confrontarsi, gestire i conflitti.
·      Attraverso il gioco della “finzione condivisa” offre la possibilità di conoscere meglio sé stessi. Il bambino/ragazzo infatti potrà calarsi in tante situazioni lontane dal suo mondo e, vestendo i panni di personaggi diversi, osserva quanto siano diversi da lui e di conseguenza impara a conoscersi di più.
·      Comporta un coinvolgimento totale: motorio, cognitivo ed emozionale
·      E’ un allenamento costante alla creatività, perché chiede il continuo reinventare di ciò che ci circonda
·      Ha una fortissima componente ludica. Il divertimento supporta tantissimo l’apprendimento e incoraggia il “fare creativo”


Quali vantaggi?

Il bambino / ragazzo che ha l’opportunità di frequentare il laboratorio teatrale quindi, non solo imparerà a parlare in pubblico e a spegnere per un po’ il cellulare. Sarà soprattutto valorizzato nella sua unicità, le sue capacità espressive saranno potenziate ed estese a canali meno usati a scuola e nel suo quotidiano (linguaggio corporeo ad esempio). Sarà stimolato verso un atteggiamento creativo globale che coinvolgerà tutti gli aspetti della sua persona e che germoglierà come un piccolo seme nel suo futuro, rendendolo più propositivo e attivo a scuola e negli svariati campi dei suoi interessi. Grazie allo spettacolo previsto a fine corso avrà un importante momento di gratifica personale e soprattutto di condivisione delle abilità acquisite.



Dettagli del corso


I laboratori teatrali si terranno presso l’Associazione Duediquadri a Catania (zona Canalicchio), in un nuovo spazio dedicato ai più piccoli e pensato proprio per accogliere queste attività. Ai bambini è richiesto
abbiagliamento comodo e calzini anti-scivolo.
Le lezioni si svolgeranno una volta alla settimana, il martedì a partire da giorno 23 febbraio. Per i bimbi dai 6 ai 10 anni l’orario previsto è 16:00 – 17:30, mentre per i ragazzi dagli 11 ai 13 anni 18:00 – 19:30. Il costo dell’abbonamento mensile al corso è di € 30 più € 10 di tessera associativa che si fa solo al momento dell’iscrizione e ha validità annuale (dà accesso a tutte le altre attività dell’associazione).


La mia formazione teatrale



Foto di Santo Consoli e Chiara Scattina - Spettacoli produzione Teatroimpulso per la regia di Mario Guarneri


Sono Gabriella Trovato, dal 2005 tengo regolarmente laboratori di teatro ed espressività artistica per bambini e ragazzi, dai 3 ai 13 anni. Dopo la laurea all’Accademia di Brera di Milano nel 2004 ho conseguito il diploma di Master in “Comunicazione e Linguaggi non verbali – indirizzo performance”, organizzato dalla Ca’ Foscari di Venezia in gemellaggio con la Facoltà di Lettere di Catania. Dal 2005 ho iniziato il mio percorso formativo all’interno della scuola di teatro Teatroimpulso dove ho completato il ciclo di corsi e stage paralleli fino a divenire membro attivo della compagnia.


Spettacoli ai quali ho preso parte da attrice:

- “Gli imprototipi”- improvvisazione teatrale comica,
“I Fisici” di F. Durrenmatt,
“Harvey”- di M.Chase, tutti per la regia di Mario Guarneri stagione teatrale 2012/2013 di Teatroimpulso

- “Facciamoci una storia”- improvvisazione teatrale comica,
“La visita della vecchia signora” di F. Durrenmatt,
“Le quattro verità”- farsa di M.Aymé, tutti per la regia di Mario Guarneri stagione teatrale 2011/2012 di Teatroimpulso.

- “La prova generale” di Aldo Nicolaj
 “Impulso omicida” –improvvisazione teatrale comica
“Dio” di Woody Allen, tutti per la regia di Mario Guarneri; stagione teatrale 2010/2011 di Teatroimpulso.

- “Il bello della diretta” di Mario Guarneri,
“Un caso clinico” di Dino Buzzati,
“Giorno di saldi” di Gerard Darier;  stagione Teatrale 2009/2010 di Teatroimpulso

- “Fools”, “Rumors” e “La Strana coppia” di Neil Simon
“Com’ammatti” di Mario Guarneri ; Stagione Teatrale 2008/2009 di Teatroimpulso

-Partecipazione nel Dicembre 2004 alla messa in scena de “La Lezione” di Eugene Ionesco con Pippo Patavina, Valeria Contadino e Raniela Ragonese per la regia di Ezio Donato

- Partecipazione in qualità di performer alla Performance “White Bus” dell’artista Pavel Althamer nell’ambito dell’esposizione collettiva “Anteprima Bovisa” 2000 di Milano


Regie e adattamenti per bambini e ragazzi:

- 2015 “Miles Gloriosus” di Tito Maccio Plauto – gruppo liceali

-2015 “Fantasia Shakespeariana” di Marina Savoia – gruppo scuola secondaria di primo grado

-2015 “Zap Zapping”, spettacolo di varietà con testi di Bice Valori, Franca Valeri, Trio Marchesini-Lopez- Solenghi, Valter Chiari – gruppo scuola secondaria di primo grado

- 2015 “Piccole magie” – gruppo di propedeutica al teatro 3-5 anni
- 2014 “Non ti pago” di Eduardo De Filippo – gruppo liceali

- 2014 “Alice nel paese delle Meraviglie” di Lewis Carrol – gruppo scuola secondaria di primo grado

-2014 “Trasform-azioni” - gruppo di propedeutica al teatro 3-5 anni
- 2013 “Il fantasma di Canterville” di Oscar Wilde – gruppo scuola secondaria di primo grado

- 2012 “Le nuvole” di Aristofane – gruppo scuola secondaria di primo grado

- 2011“Il Mago di Oz” di Baum – gruppo scuola secondaria di primo grado
-2010 
“Sherlock Holmes” di A.C. Doyle – gruppo scuola secondaria di primo grado
- 2008
“La melanzana impazzita” di Francesco Firpo – gruppo scuola primaria
- 2007
“Pinocchia” di Stefano Benni – gruppo scuola secondaria di primo grado
-2006 “Tutto in un punto” adattamento da Italo Calvino – gruppo scuola primaria

Le Nuvole di Aristofane - adattamento e regia Gabriella Trovato - Teatro Sipario Blu

Non ti pago di Eduardo De Filippo - Adattamento e regia di Gabriella Trovato - Foto di Santo Consoli - Teatroimpulso

Non ti pago di Eduardo De Filippo - Adattamento e regia di Gabriella Trovato - Foto di Santo Consoli - Teatroimpulso

Miles Gloriosus di Plauto - Adattamento e regia di Gabriella Trovato  - Teatroimpulso